Artista: OPA CUPA
Album: CENTRO DI PERMANENZA TEMPORANEA
Etichetta: 11/8 RECORDS
Data uscita: 2009

“Centro di Permanenza Temporanea”, terzo album degli Opa Cupa, è dedicato all’Albania Hotel, la cui storia rappresenta la risposta dell’arte e della cultura alle immotivate e fin troppo rigorose politiche per l’immigrazione del governo. Cesare Dell’Anna ha voluto raccontare con la sua musica questo luogo di speranza, contenitore multietnico, dove moltissimi extracomunitari senza permesso di soggiorno trovavano un pasto caldo, un letto, uno strumento da suonare. A lavorarci sono musicisti, artisti e persone che cercano di aiutare chi, approdando all’Albania Hotel, evita il centro di accoglienza, evita il rimpatrio, evita i lager legalizzati. Nelle tracce di questo nuovo lavoro degli Opa Cupa confluiscono le sonorità del Mediterraneo, quelle che partono dal Salento e toccano i Balcani; sono sonorità che vivono nel sangue e nel cuore dei tanti immigrati che approdano d’inverno sulle spiagge del Salento alla ricerca di una speranza, di una terra libera. “Centro Di Permanenza Temporanea” è un disco di resistenza pura, di resistenza all’indifferenza, un disco che sprigiona forza, contenuti sociali e che lancia un grido di disperazione ma allo stesso tempo d’amore. Emergono brani come la famosa “My Favorite Things” di John Coltrane riletta in una travolgente ritmica 7/8 tipica del balkan jazz, ma anche brani tipicamente bandistici come “Neelie” oppure la intima “Ebb Tide”, dalla colonna sonora de “I Clowns” di Fellini, rielaborata da Cesare Dell’Anna.